CHI SIAMO

     
  In sintesi potrei dire che…

  • Valeria insegna, ora con un part-time meritato e fortemente voluto
  • Marco lavora e, dopo aver ottenuto il PhD, continua a fare il ricercatore al PoliMi
  • Federica lavora e ha ottenuto il Master in Biostatistica a Pavia
  • Io lotto, mi diverto e resisto… e mi godo con Valeria le impagabili soddisfazioni che ci danno i figli
  • Morfeo ci manca…e ora è arrivata Cocca
     
  Se vuoi sapere qualcosa di più sul mio profilo professionale vai su LinkedIn. O leggi in Curriculum Vitae in Italiano o in Inglese.
Qui ti dico solo che dopo anni a mettere le mani nel software (UNIX, Linux, networking, applicazioni per il web), e dell’hardware (server, storage e workstation) ho passato i miei ultimi quindici anni in ruoli marketing, business development e vendite per aziende multinazionali del settore informatico. La passione per la tecnologia però non mi è passata e continuo a pasticciare con grafica, applicazioni per il web e sistemi operativi. Alla base di tutto c’è la mia curiosità da incallito tecnologo che si ritiene soddisfatta solo quando riesce a passare dal parlare al fare. Così oltre a fare le cose per me, mi diletto anche ad aiutare alcuni amici a portarsi sul web con un loro sito personalizzato.
Le altre mie passioni sono ormai da decenni la fotografia e la motocicletta.
     
  Valeria, mia moglie e madre dei nostri due splendidi figli, insegna Informatica e Sistemi all’ITIS Fauser e dal 1995 al 2010 ha gestito i sistemi UNIX e Linux su cui sono attestati non solo alcuni dei Laboratori dell’Istituto ma anche i servizi Internet e di rete che vengono erogati ad altre scuole della provincia, Enti Pubblici, Aziende e privati.
Grazie allo spirito di iniziativa ed alla dedizione di Valeria questo Istituto Tecnico è stato in grado di proporsi come ISP di riferimento nelle provincie di Novara e Verbania. Inoltre nel 2000 il Fauser è stato individuato dalla Provincia di Novara come Centro di Eccellenza per la Ricerca, Sviluppo e Sperimentazione di tecnologie avanzate Informatiche e Telematiche.
     
  Marco è laureato in Ingegneria Fisica a Milano e nel 2011 ha concluso il biennio di specializzazione in Micro e Nano Ottica, con una tesi sperimentale su “Elaborazione tutto-ottica del segnale per telecomunicazioni attraverso l’Effetto Brillouin“.
Ha lavorato due anni presso il PoliCom, della Fondazione Politecnico di Milano, come Assegnista di Ricerca e nel 2015 ha conseguito il Dottorato di Ricerca, sempre al Poli, sul tema “Optical transmitter based on self-seeded architectures for passive WDM networks” ed ha ora ripreso il lavoro come Assegnista di Ricerca, continuando anche una intensa attività di pubblicazione di articoli su diverse pubblicazioni del settore.
Insieme ad alcuni altri ricercatori, dottorandi e docenti del Politecnico di Milano, dal 2014 è inoltre fra i soci fondatori di Cohaerentia, startup che opera nel campo dei Software Defined Fiber Optic Sensor con innovative e pluri premiate soluzioni.
Dopo aver abbandonato il basket per qualche anno, nel 2014 ripreso a calcare i parquet delle palestre. Altre sue passioni sono la montagna, cimentandosi in camminate decisamente impegnative, lo sci e la corsa dedicandosi (per ora?) a mezze maratone più volte all’anno. Investe poi il tempo libero con gli amici e “facendo cose” su PC e in rete con sorprendenti attitudini che noi “vecchi informatici” abbiamo sudato a costruire nel tempo e faticando.
     
  Ad ottobre 2012 Federica ha conseguito la Laurea Magistrale in Matematica alla Statale di Milano con il massimo dei voti, dopo avere già ottenuto ottimi risultati nel corso triennale; da febbraio a luglio 2012 si è trasferita a Linz, in Austria, nell’ambito del programma Erasmus, per preparare la sua tesi su “Discontinuos Galerkin Methods for Isogeometric Analysis“.
Dopo tanto studio e solo un paio di mesi di relax, a Gennaio 2013 ha iniziato a lavorare presso l’Istituto Tumori di Milano, dove con il ruolo di Data Manager, ha curato raccolta dati e analisi relative a protocolli di ricerca su cui l’Istituto è concentrato. Inoltre ha realizzato un nuovo sistema di gestione delle cartelle dei pazienti, da lei ideato e basato su un sito Joomla e un DB integrati con una grande quantità di codice PHP da lei scritto. Questo sistema permette al personale del Reparto Trapianti di operare con una modalità tutta nuova, più agile, snella, veloce ed efficace!
A Novembre 2015 Federica ha conseguito il Master in Biostatistica e Metodologia Epidemiologica presso l’Università di Pavia con una ricerca su “Development of a prognostic scoring system for resectable hepatocellular carcinoma“, pubblicata dal World Journal of Gastroenterology e visibile sul portale del National Center for Biotechnology Information (NCBI).
A Marzo 2016, lasciato l’Istituto Tumori, ha iniziato a lavorare come Biostatistica presso la SPARC Consulting.
Fin da piccola ha dedicato il suo tempo libero alla danza, prima classica ed poi jazz. Per “staccare” suona il pianoforte e legge una quantità impressionante di libri. Recentemente ha iniziato ad interessarsi alla fotografia.
     
  E questo è Morfeo, il viziatissimo e fotografatissimo gatto di famiglia che dopo tredici anni ci ha purtroppo prematuramente lasciati nell’estate del 2014 per una malattia incurabile.
Le sue passioni? Le stesse di tutti i gatti: dormire nei posti più sconvenienti, farsi le unghie sui divani, miagolare ad ore improbabili, fare sempre e solo quello che voleva lui, come e quando ne aveva voglia… e ci manca tanto.
Per qualche tempo ha anche avuto un profilo su Facebook, e in poco più di un anno ha collezionato 5000 “amici” felini, canini, suini, equini, uccellini, roditori, rettili e qualche umano. Il suo motto era “Tanto ormai sul faccialibro ci sono cani e porci…”. Dimostrato che il motto era corretto, non aveva più senso per me buttar via tempo per “gestire” il suo account e così il profilo Faceboock è ora chiuso.
     
  Nell’estate del 2016 è arrivata nel cortile di casa una piccola gattina di meno di un anno, affamata e magra, sicuramente abbandonata da qualcuno non degno di rispetto.
Assomiglia molto a Morfeo ed è molto dolce e affettuosa. Pur avendo deciso che non avremmo più avuto gatti o altri animali per casa, non abbiamo potuto ignorarla e l’abbiamo “adottata” e chiamata Cocca (o Puzzola).
Adottata con l’intento di lasciarla fuori casa, come lei preferiva, portandole da mangiare e coccolandola in cortile.
In previsione dell’inverno, le ho costruito una bellissima cuccia che lei usa la notte.
Ha fatto velocemente amicizia con i cani dei vicini con cui gioca ogni volta che li vede.
Il rapporto con gli altri gatti della zona è invece più conflittuale: dopo una lotta ne è uscita un po’ malconcia e zoppicante. Risultato? Due settimane di convalescenza, antibiotici e riposo in casa… che da quel momento, in barba a tutti gli iniziali propositi, è diventata la “base”… tutti i giorni però deve uscire per farsi i suoi giri…